Parrocchia Santa Maria a Quarto - Bagno a Ripoli

SITO IN COSTRUZIONE

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Benvenuto in Parrocchia

31/01/21 - 4a domenica del tempo ordinario

E-mail Stampa

4a domenica del tempo ordinario

Avere il coraggio di dire ai giovani
che essi sono tutti sovrani,
per cui l'obbedienza non è ormai più una virtù,
ma la più subdola delle tentazioni,
che non credano di potersene far scudo
né davanti agli uomini né davanti a Dio,
che bisogna che si sentano ognuno
l'unico responsabile di tutto.
(da Lettera ai giudici di don Lorenzo Milani)

Giovanni è stato arrestato e questo avrebbe dovuto essere un monito per Gesù che, dopo aver vissuto con la mamma e il babbo per circa trenta anni, decide di affacciarsi alla vita pubblica per indicare alle persone la via per realizzare un mondo nuovo fondato sull’amore e non sull’egoismo.
Dalla narrazione di Matteo si capisce che lui, grandemente motivato, cammina per le strade della Galilea dicendo: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo» (1, 15). Durante il suo cammino, quando arriva sulle sponde del mare di Galilea, vede due fratelli, Simone e Andrea, e li invita a seguirlo dicendo: «Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini» (1, 17). Anche se probabilmente né Simone né Andrea, che di lavoro fanno proprio i pescatori, capiscono il senso di tale invito subito lasciarono le reti e lo seguirono (1, 18).
Poco oltre vede altri due fratelli, Giacomo e Giovanni, anch’essi pescatori e li invita, probabilmente nello stesso modo con cui ha invitato i primi due, e anche loro lasciano tutto e lo seguono.
Questo strano gruppo avanza verso la città di Cafarnao guidato da Gesù che, da come si comporterà, sembra abbia chiaro quello che dovrà fare, mentre è facile intuire che i discepoli al seguito siano soprattutto curiosi di conoscere in che cosa consista il lavoro di pescare gli uomini.
Ed ecco la sorpresa: ...apri il file...

foglietto per la Messa pieghevole testi completi messalino calendario liturgico

Ultimo aggiornamento Mercoledì 27 Gennaio 2021 13:58
 

25/01/21 - Conversione di San Paolo

E-mail Stampa

Conversione di San Paolo Apostolo

messalino


 

24/01/21 - 3a domenica del tempo ordinario

E-mail Stampa

3a domenica del tempo ordinario

Chi non ha una missione nella vita
è il più povero di tutti.
(Albert Schweitzer)

Il Battista è stato consegnato alle autorità politiche e quest’azione, oltre che togliere di mezzo l’uomo, dà un chiaro avvertimento a Gesù: persone come il Battista e Gesù stesso destabilizzano il potere religioso e politico per cui vanno ridotte al silenzio con qualsiasi mezzo.
A Gesù si presentano due strade: quella consigliata dalla logica umana cioè abbandonare il progetto, ritornare a casa dalla mamma, riprendere a fare il garzone di bottega e così allontanare le paure, oppure continuare a infastidire i poteri annunciando la Buona notizia.
Lui sceglie la seconda e proclama l’avvento del Regno di Dio, ma non a Gerusalemme come sarebbe stato logico per uno che avesse voluto parlare di Dio, ma in Galilea. Non è pensabile che la sua scelta fosse dettata dalla paura del potere politico perché Erode Antipa, che aveva imprigionato Giovanni, governava anche in Galilea; è più probabile che la scelta fosse dettata dalla volontà di sottrarsi al potere religioso. Tuttavia fra le probabili ipotesi c’è anche quella affascinante ...apri il file...

foglietto per la Messa pieghevole testi completi messalino calendario liturgico

Ultimo aggiornamento Mercoledì 20 Gennaio 2021 09:06
 

17/01/21 - 2a domenica del tempo ordinario

E-mail Stampa

2a domenica del tempo ordinario

Chi non ha una missione nella vita
è il più povero di tutti.
(Albert Schweitzer)

Albert Schweitzer scrive: «Ogni convinzione che possieda un reale valore è irrazionale e di carattere entusiasta, dato che non può essere il prodotto della conoscenza dell’universo, ma nasce dall’esperienza della volontà di vivere». In altre parole il sentire va ben oltre la conoscenza che nasce dalla ragione la quale, per sua stessa natura, costituisce un freno alla vita dell’uomo, infatti, da un punto di vista razionale, l’irrazionale è dannoso alla vita.
I comportamenti descritti in questo brano di vangelo più che la ragione seguono il sentire.
Interessante è anche l’annotazione del tempo usato dall’evangelista non tanto con valore cronologico, molto importante in una cronaca, quanto con valore teologico.
Lo svolgersi dei fatti conduce a una progressiva conoscenza dell’identità di Gesù. Infatti, il giorno prima il Battista incontra Gesù (l’incontro precede i fatti narrati in questa pericope) e lo riconosce come Messia. Probabilmente sono solo loro due, uno di fronte all’altro, e il riconoscimento è istantaneo, non segue un ragionamento ma vien fuori di getto dal cuore del Battista: «Ecco l'agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo!» (v. 29). L’irrazionale sta nel fatto che l’identità di Gesù è molto diversa dalle attese del popolo. Infatti, la liberazione dalla dominazione romana e dalla corruzione e violenza perpetrate dal potere religioso-politico nei confronti del popolo non poteva essere realizzata da un agnello, piuttosto da una bestia feroce.
Il giorno dopo il Battista, mentre è al Giordano insieme a due discepoli Andrea e probabilmente Giovanni, incontra Gesù e, dopo aver fissato lo sguardo su di lui, non può fare a meno di indicarlo come il Messia atteso. Anche l’atteggiamento dei due discepoli del Battista è irrazionale, è dettato dal cuore e non dalla ragione: abbandonano il Battista e si mettono a seguire Gesù compiendo, quindi, una scelta molto rischiosa.
Il verbo greco che indica l’azione di fissare lo sguardo (ἐμβλέπω), in questo brano usato due volte, significa guardare dentro, scrutare il cuore dell’uomo per comprenderne la sua vera identità e quella del Messia è, appunto, di chi ...apri il file...

foglietto per la Messa pieghevole testi completi messalino calendario liturgico

Ultimo aggiornamento Mercoledì 20 Gennaio 2021 08:50
 


Pagina 2 di 212

Login

...e lascia la tua email per ricevere la NEWSLETTER con le più importanti notizie della tua Parrocchia

Chi è online

 34 visitatori online