Parrocchia Santa Maria a Quarto - Bagno a Ripoli

SITO IN COSTRUZIONE

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home

"La Via Crucis" con riflessioni di don Tonino Bello

E-mail Stampa

La “Via Crucis”

Durante la Quaresima, nel cercare di rivivere con Gesù le sue ultime ore di vita, il cristiano s’immerge nella sofferenza e nella morte con la prospettiva della risurrezione.

Il commento di don Tonino Bello, che scandisce l’oggi di ogni stazione, ci ricorda che Gesù non si segue fermandosi sulla via del Calvario a piangere per i suoi tormenti (27Lo seguiva una grande moltitudine di popolo e di donne, che si battevano il petto e facevano lamenti su di lui. 28Ma Gesù, voltandosi verso di loro, disse: «Figlie di Gerusalemme, non piangete su di me, ma piangete su voi stesse e sui vostri figli. […] 31Perché, se si tratta così il legno verde, che avverrà del legno secco?».), ma conformandosi al suo amore.

Dice don Tonino Bello:”«Quando fu mezzogiorno, si fece buio su tutta la terra fino alle tre del pomeriggio». Forse è la frase più scura di tutta la bibbia. Per me è una delle più luminose. Proprio per quelle riduzioni di orario che stringono, come due paletti invalicabili, il tempo in cui è concesso al buio di infierire sulla terra”.

Percorriamo, dunque, questa via crucis, avvolti dalla fiducia che, anche nella nostra vita, tre ore sono il margine di tempo che c’è consentito per piangere, dopo esplode sempre la luce della risurrezione. ...continua...

Via Crucis formato doc

Via Crucis formato pdf

Presentazione