Parrocchia Santa Maria a Quarto - Bagno a Ripoli

SITO IN COSTRUZIONE

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Liturgia Liturgia anno A (2019-2020) prime pagine (2019-2020) 20/09/20 - 25a domenica del tempo ordinario

20/09/20 - 25a domenica del tempo ordinario

E-mail Stampa

25a domenica del tempo ordinario - anno A

 

16Così gli ultimi saranno primi e i primi, ultimi».
(Mt 20, 16)

Non avevo ancora diciotto anni e mi piaceva partecipare con alcuni amici alle riunioni che si tenevano in parrocchia per discutere su argomenti di varia natura alla luce della Parola di Dio. Mi ricordo vagamente che si parlava dell'azione missionaria della Chiesa (erano gli anni del Concilio Vaticano II), quando prese la parola un ragazzo della mia stessa età che, con fare impacciato e titubante, disse: «Io sono convinto che l'inferno non esista! L'amore di Dio è talmente grande e misericordioso che non può perdere neppure una delle pecorelle che lui stesso ha pensato e creato….».
Fu immediatamente interrotto da mille voci urlanti. L'unica cosa che venne fuori da quel coro scomposto fu l'idea che l'esistenza dell'inferno non poteva essere messa in dubbio perché era la giusta pena per i peccatori e che il paradiso, dove sarebbero andati i buoni, aveva la forma di un teatro con la piccionaia, la platea e i posti numerati per destinare quelli migliori alle persone con più meriti. Quando i presenti si accorsero di essere tutti dello stesso avviso, una persona fra le più in vista della parrocchia domandò al ragazzo: «Se tu fossi in paradiso dopo una vita di rinunce e ti trovassi accanto un ladro, un assassino, un politico corrotto … cosa proveresti?».
Il ragazzo, meno titubante, benché ancora apparisse smarrito, rispose come se comunicasse qualcosa di ovvio:
«Che importanza ha aver lavorato tanto per il paradiso? L'importante è riconoscere l'amore di Dio per cui quello che noi facciamo, poco o molto che possa essere, è a sua volta una risposta d'amore; allora prenderei la mano dell'assassino che è accanto a me e soffrirei perché lui non ha vissuto fin da principio questa dimensione».
Non ricordo se i presenti fossero convinti: io sì anche se non mi era del tutto chiaro il ragionamento. Per tanti anni mi sono portato dentro ...continua...

foglietto per la Messa pieghevole testi completi messalino calendario liturgico